IL SIMBOLO REIKI CHE (PRESUMIBILMENTE) NON ERA TALE
Copyright © 2005 James Deacon
 www.aetw.org/Reiki_symbols_st.htm
tradotto e pubblicato con l'autorizzazione dell'Autore

Ricordo di avere letto, qualche tempo fa’, un’intervista su una rivista Reiki nella quale Phyllis Furumoto, o Paul Mitchell (suo co-gestore dell’Ufficio di Grandmaster della Reiki Alliance), affermava che vi sono, in realtà, solo tre simboli Reiki usati nell’Usui Shiki Ryoho (intendendo con questo riferirsi a: (usati) per fare trattamenti Reiki).
[Sappiamo che Takata-sensei insegnava che l’uso del DKM era solo per le armonizzazioni.].
Fu solo poco dopo questo (e qualcuno potrebbe dire che fu una mera coincidenza?) che Hiroshi Doi decise di rivelare un altro nuovo pezzettino di "Informazioni Gakkai segrete", cioè che nel sistema Usui Reiki Ryoho vi erano, in realtà, solo tre simboli……
Comunque, diversamente dai capi della Reiki Alliance, Doi non intendeva dire che il DKM era riservato unicamente alle armonizzazioni. Egli stava affermando che vi erano solo tre simboli. Punto! Tre simboli e DKM non era uno di essi!
Doi ha affermato che la Gakkai non usava il DKM, neanche per le armonizzazioni, e che Usui-sensei non usava affatto un "simbolo del master". [Sebbene, come dice Doi stesso, egli non aveva raggiunto il livello Shinpiden nella Gakkai, quindi non è al corrente degli "Insegnamenti del Mistero" di questo livello. La Gakkai (così ci dice Doi) è un’organizzazione molto formale che segue strettamente le regole di protocollo e segretezza, allora com’è che egli è, apparentemente, in grado di dire cosa - o cosa non - facesse parte delle armonizzazioni e di altre pratiche usate da coloro che avevano raggiunto i livelli più alti nell’organizzazione?]
A quanto pare, le affermazioni di
Hiroshi Doi sono state 'convalidate' da certi altri Reiki Master "appartenenti alla cricca", anche se nessuno vuole (o può?) dire come essi li abbiano convalidati! Presto altri cominciarono a divulgare la storia, come sempre senza fare domande... ma poi, in fondo, a chi avrebbero chiesto? Doi, ci si dice, è il solo che ha accesso diretto alla leggendaria Gakkai.
(Naturalmente, molti stanno attualmente domandando se la Gakkai in realtà esista
realmente o se i suoi "membri" siano stati - per porgerla educatamente -"canalizzati" da Doi…)

DKM - Un lavoro artistico?

Hiroshi Doi vorrebbe far credere che, originariamente, il DKM fosse semplicemente un "pezzo di calligrafia" che Usui-Sensei presentava a ciascuno dei suoi studenti per lo Shinpiden. Nel modo in cui Doi ce lo racconta, questo "lavoro di pennello" veniva inteso come un memento che il loro scopo ultimo, nella vita, doveva essere il raggiungimento dell’illuminazione ma, in qualche modo, negli anni, la calligrafia evoluì nell’effettivo simbolo Reiki …
E’ interessante che una semplice ricerca on-line di DKM conduce, alla fine, a scoprire che - in molti Ninjutsu Dojo dei giorni d’oggi, appeso in un luogo ben in vista, si può trovare un rotolo che riporta un "pezzo di calligrafia" che dice: '
Shiken Haramitsu DAI KO MYO' . Lo scopo di questo rotolo? Ricordare agli studenti di arti marziali che il loro scopo ultimo nella vita dovrebbe essere il raggiungimento dell’illuminazione...
Così, essendo stati informati che lo stesso Usui-Sensei praticava una forma di arti marziali, dovremmo vedere questo fatto relativo al ninjutsu come qualcosa che "dà peso" alla storia di Hiroshi Doi? Forse. Però, personalmente, sono più dell’opinione che la storia di Doi - riguardo il DKM che è semplicemente un pezzo di calligrafia - può essere venuta fuori come risultato ottenuto da Doi stesso, dopo avere "googlato" la frase DKM, nel tentativo di cercare altre informazioni riguardo un suo più ampio uso.  Allora perché - se il DKM non era, in realtà, un simbolo Reiki e, addirittura, né la Gakkai né Usui-Sensei  avevano mai usato un simbolo master di alcuna sorta, Doi stesso insegna l’uso del DKM come simbolo master? Ebbene, a quanto pare Doi dice che, poiché negli anni tantissimi praticanti Reiki lo hanno usato e hanno "creduto in esso", il DKM ha sviluppato una propria vita  ed è diventato potente come simbolo, di per sé.
(Un cambiamento interessante, mi pare; in qualche modo noi, la Comunità collettiva Reiki, invece che Usui-Sensei, siamo responsabili della creazione e del potenziamento del simbolo master che noi usiamo per armonizzare altre persone al Fenomeno Reiki di Usui-sensei!)
Se non Usui-Sensei, allora chi?
E se  DKM non era originariamente il "simbolo del master Reiki"- se non vi era neppure il concetto di un "simbolo master"- come e quando DKM è diventato il "simbolo master"?  Chi è responsabile?
[Ammetto che trovo abbastanza affascinante il modo in cui tutto questo processo funziona. E’ un "gioco della mente" davvero brillante: tu affermi che un "fatto" accettato è non vero ma, invece di prenderti almeno la briga di elaborare uno scenario alternativo chiaro e razionale, offri semplicemente pezzettini di informazione qua e là - pezzettini di informazione che indurranno, logicamente, ad ulteriori domande - ed, e voilà! - ciò apre uno "spazio creativo" ,nel quale altre menti inquisitrici vengono attirate  per impegnarsi in ulteriori speculazioni - ulteriori "voli di fantasia revisionistica" - in tuo nome!]
In un tentativo di "aggiungere l’anello mancante", si è detto che Hayashi- sensei può avere creato il concetto di un "simbolo master", esclusivamente per Takata-sensei (sul perché avrebbe fatto questo- o semplicemente avrebbe sentito il bisogno di fare questo - ebbene, "voli di fantasia revisionistica" …). Sul perché, poi, Hayashi-sensei - che, per quanto ne sappiamo, era impegnato a sviluppare Reiki come una modalità terapeutica (piuttosto che una disciplina spirituale) - avrebbe aggiunto agli "attrezzi" del sistema un qualcosa tipo DKM, che ha implicazioni fortemente spirituali richiamando, come fa, la Radiosa Saggezza della Divinità, ebbene, questa è ancora un’altra opportunità per "voli di fantasia revisionistica".
E’ stato anche suggerito che Takata-sensei abbia inventato lei stessa il simbolo master - il che significa che dovremmo presumere che Hayashi-sensei doveva averle dato, o mostrato o almeno detto, la calligrafia di DKM ("voli di...")  [E’ davvero molto facile essere attirati in questo "gioco della mente" speculativo!]
A supporto di questa teoria - che sia stata una creazione di Takata - è stato fatto notare che una degli altri studenti di Hayashi-sensei, Chiyoku Yamaguchi (fondatrice del Jikiden Reiki) non usava né insegnava il simbolo del master DKM - lei non lo aveva ricevuto da Hayashi-sensei.
Forse perchè Hayashi-sensei non lo aveva per usarlo o insegnarlo?  ("voli di...")
(O forse Hayashi-sensei stava, semplicemente, sperimentando differenti modi di insegnare ciò che, dopo tutto, in quel periodo si è trasformato nel
Hayashi Reiki Ryoho - forse questo è il motivo per cui Chiyoko Yamaguchi non ricevette il DKM?)
Ma vi è anche un’altra possibile spiegazione del perché Chiyoko Yamaguchi non ricevette il DKM: in almeno un forum di Reiki, sono state poste delle domande circa il fatto se Chiyoko Yamaguchi abbia, o meno,  davvero mai fatto il Livello Master con Hayashi-sensei. E’ stato commentato che (interessante, ho pensato), è stato solo dopo che suo figlio, Tadao, aveva partecipato ad un seminario Reiki di stile "occidentale" che gli Yamaguchi  hanno cominciato a parlare di un corso di Mrs.Yamaguchi con Hayashi-sensei…
[Pensandoci, è importante notare che Jikiden Reiki - che si è creduto fosse esattamente come Hayash-sensei aveva insegnato a Mrs Yamaguchi - in realtà offre seminari Reiki in un formato simile al modo in cui Takata-sensei lo avrebbe poi sviluppato e semplificato per gli studenti Occidentali, mentre il corso della stessa Takata-sensei aveva avuto  la forma di un apprendistato o internato, avendo trascorso un anno nella clinica di Hayashi-sensei e avendo poi completato gli studi più tardi, durante un tour Reiki fatto da Hayashi-sensei... nelle Hawaii] .
Mrs. Yamaguchi affermava di avere avuto alcuni appunti (a quanto pare copiati da note Reiki di Hayashi-Sensei), ma che questi andarono poi perduti in un incendio, in un periodo in cui lei viveva in Manciuria. Sembra che anche i suoi certificati se ne siano andati nello stesso modo...  
Ma tutto questo sta cominciando a portarci lontano dalla questione delle asserzioni - "giochi di mente"- di Hiroshi Doi, che originariamente DKM non fosse il "simbolo master" e neppure un simbolo Reiki …
Comunque va bene così, perché se vi aspettavate un bel lieto fine a questo articolo, non ce n’è. Perché, a questo punto, vorrei solo aggiungere ancora un altro pezzetto di informazione, a proposito delle "informazioni segrete della Gakkai"  dovute alla cortesia di Hiroshi Doi.
Secondo Doi, il simbolo Reiki più importante e più potente è HSZSN