Il significato più profondo della parola Reiki

Solo per oggi:
non ti arrabbiare
non ti preoccupare.
Sii umile.
Sii onesto nel tuo lavoro.
Sii compassionevole
verso te stesso
e gli altri.


HOME


REI-KI
Ideogramma Reiki
Energia
Tecnica Reiki
Percorso Reiki
Armonizzazione

Autoarmonizzarsi?
Trattamento
E' Pericoloso?
Cosa è Reiki
La parola Reiki
Reiki é una setta?

Energia Universale
Reiki e consenso

Come guidare
In carne e ossa

Cenni storici
 Simboli
 I Precetti
Scuole Reiki
 
SINERGIE

 
INCONTRARSI

Per i Bambini

ALTRI ARTICOLI 

Siti amici

Le mie fonti
Libreria

 

Una differente interpretazione della parola Reiki
di Bronwen e Frans Stiene
International House of Reiki-  
(www.Reiki.net.au)
Tradotto e pubblicato con l'autorizzazione degli autori


Una traduzione letterale di Reiki è energia spirituale o universale. Noi suggeriamo che Reiki possa avere un altro significato - uno che non deriva da una traduzione letterale ma piuttosto dalla propria esperienza diretta .
Quando pratichiamo i vari elementi che compongono il sistema di Reiki, utilizziamo energia spirituale (Reiki). I praticanti sono sorpresi quando scoprono, nella loro pratica, che esistono differenti livelli, all’interno di questa energia spirituale. Viene scoperto un nuovo percorso e coloro che praticano coscientemente gli elementi del sistema Reiki, gradualmente vedono dove stanno dirigendosi.
Per accedere a questa energia spirituale, nella sua completezza, si deve essere arrivati agli stadi avanzati della pratica spirituale personale. Per parafrasare, l’esperienza di ricevere il pieno effetto di Reiki significa, in realtà, raggiungere satori*.
A questo stadio, tutte le nostre percezioni ordinarie vengono trasformate e ci rendiamo conto del nostro vero potenziale come esseri umani.
Raggiungere questo stato della mente illuminato e divenire pura luce è l’obiettivo finale di una pratica Reiki. Ciò è riflesso dai mantra e kanji (simboli) che vengono praticati al terzo ed ultimo livello del sistema. Il mantra, tradotto letteralmente dal Giapponese, significa "grande luce splendente". Dunque, l’obiettivo è diventare questa grande luce splendente, raggiungendo uno stato di non-dualità, o satori.
Come praticanti diciamo che canalizziamo Reiki ma, in effetti, noi accediamo soltanto ad una piccola quantità di questa energia spirituale, fintanto che la nostra energia diventa abbastanza forte da canalizzare pura energia spirituale. In altri articoli sul sistema, abbiamo detto che noi siamo Reiki o energia spirituale. Sì, fondamentalmente noi siamo Reiki ma, fino a quando la nostra vera comprensione di questo stato è limitata, allora lo è pure la nostra capacità.
Raggiungere satori può richiedere anni ed anni di pratica e non vi sono scorciatoie, usando simboli o mantras segreti. Quello che invece è necessario è la perseveranza e la retta comprensione di come lavorare con gli elementi di base del sistema Reiki.
Senza questa retta comprensione, annaspiamo semplicemente nel buio, senza raggiungere mai la grande luce splendente. Così, è necessario tornare alle radici del sistema e fare pratica con gli strumenti che Usui-sensei intendeva che noi usassimo.
In conclusione, noi potremmo non canalizzare Reiki nella sua completezza, ma pratichiamo un sistema chiamato Reiki. E quando, finalmente, diventiamo la grande luce splendente, ancora una volta non diremo che canalizziamo Reiki nella sua completezza poiché, una volta raggiunta, tali affermazioni non avranno più importanza.

*Satori significa Illuminazione

                                                              Traduzione: Beppe Tornar e Marina Anna Fellner