L'introduzione dei simboli nel Reiki

Solo per oggi:
non ti arrabbiare
non ti preoccupare.
Sii umile.
Sii onesto nel
tuo lavoro.
Sii compassionevole verso te stesso
e gli altri.

HOME

REI-KI
Cenni storici
Simboli
Simboli nel Reiki

Shirushi
Loro importanza

Un Loro Significato
Loro Associazioni

Kurama Yama
Percorso di CHR

CKR e NAO HI
3 o 4 simboli?
Paradigma di DKM
I Precetti
 Scuole Reiki

SINERGIE

INCONTRARSI
Per i Bambini

ALTRI ARTICOLI 

Siti amici

Le mie fonti
Libreria

 James Deacon Copyright © 2002/3
www.aetw.org/Reiki_symbols_st.htm
tradotto e pubblicato con l'autorizzazione dell'Autore

I simboli Reiki (shirushi in Giapponese) sono stati, negli anni,  fonte di grande interesse e di molte discussioni.

Mentre tra i praticanti Reiki di lignaggio Occidentale si crede comunemente che Usui Sensei, fin dall'inizio, avesse  "scoperto" i quattro simboli Reiki in testi Buddhisti (ri-sperimentandoli e ricevendo la comprensione del loro vero significato, nella sua esperienza di illuminazione sul Monte Kurama), recentemente alcune fonti hanno affermato che, inizialmente, Usui Sensei non usò simboli nel sistema che noi conosciamo come Reiki e che essi sono un qualcosa che aggiunse successivamente, per la necessità di incorporare nel sistema stesso un efficace metodo di centratura che aiutasse quegli studenti che avevano difficoltà a percepire l'energia Reiki.

Comunque, in una recente discussione con un Reiki Master Giapponese, abbiamo parlato di questo argomento dell'introduzione dei simboli e la versione della storia che egli ha condiviso con me sembra mettere le cose in una prospettiva leggermente diversa.

Come tutti sappiamo, le continue ricerche sembrano rivelare senza sosta nuova informazioni sulla storia e la natura del "Reiki originale".

Quello che si ritiene attualmente è che - invece che essere un metodo puramente terapeutico - il sistema di Usui Sensei fosse, essenzialmente, un sistema spirituale-filosofico (comprendente alcuni elementi Buddhisti e Shintoisti), un sistema "per il miglioramento di corpo ed anima " - cioè focalizzato primariamente sull'auto-sviluppo spirituale, ma che incorporava anche elementi di auto-guarigione fisica.
Reiki, come fu compreso in Occidente (cioè, essenzialmente come  un metodo soprattutto terapeutico), sembrerebbe essere un "prodotto secondario" di questo sistema spirituale - filosofico.

Secondo il Reiki Master Jiro Kozuki, non è accaduto così "per caso" che Usui Sensei  abbia introdotto quei simboli successivamente ma, invece, fu compiuta la scelta di quattro simboli che facevano già parte del suo sistema spirituale-filosofico e la scelta di  assegnare loro un nuovo significato, come "chiavi" (o - per usare la terminologia PNL - come "Ancoraggi delle Risorse") per aiutare la focalizzazione dell'intenzione, come parte  dell'aspetto di "modalità terapeutica"  che si stava evolvendo nel sistema (Reiki).