USUI-SENSEI E REIKI
ovvero
I termini Reiki, Reiho, e Reiki Ryoho rivisitati

Copyright © 2006 James Deacon
www.aetw.org/Reiki_usui_Reiki_ryoho.htm

Usui-sensei non ha ri-scoperto 'Reiki' - né ha creato o sviluppato 'Reiki' …
Ciò che Usui-sensei fece fu: creare/sviluppare un sistema di pratiche spirituali  il cui scopo primario  sembra  fosse quello di agire come mezzo per condividere (gradualmente) con altri l’effettivo fenomeno di trasformazione che lui stesso aveva sperimentato durante la sua, ormai leggendaria meditazione sul Kurama Yama.
Inoltre, egli non chiamò questa pratica spirituale 'Reiki'
“Dobbiamo ricordare che il nostro modo di usare la parola Reiki - per identificare il sistema sviluppato da Usui-sensei - è un uso errato molto moderno, occidentale, di quel termine. Analogamente lo è il nostro uso della parola come verbo per indicare la effettiva pratica di un trattamento" [Inoltre, la comprensione moderna di Reiki (cioè il fenomeno stesso) come 'energia' può essere alquanto differente da come lo comprendeva Usui-sensei]".
Allora, se la pratica spirituale di Usui-sensei non veniva chiamata 'Reiki', come veniva invece chiamata?
Ebbene, alcuni vorrebbero farci credere che veniva chiamata "Usui Teate", altri, "Usui Do".
Comunque, l’unica solida fonte di informazioni che abbiamo [ed uso la parola 'solida' in senso molto letterale - mi riferisco alla lapide Memoriale che si trova al lato della tomba di Usui-sensei], non si accorda con nessuna delle due ipotesi.
Il titolo della iscrizione sul memoriale di Usui identifica chiaramente Usui-sensei come il fondatore del 'Reiho'.
Ora, mentre alcuni hanno tentato di farci credere che 'Reiho' era una contrazione - una versione stenografica - della frase 'Reiki Ryoho', sembra che ciò non sia corretto.
'Reiho' si riferisce in realtà ad un "metodo Spirituale" - in questo caso: il metodo Spirituale di Usui: Usui Reiho
Inoltre, la pratica spirituale, questo "metodo Spirituale" sviluppato da Usui-sensei - che fosse o meno parte della intenzione originale [1] - era anche percepita come atta a  risvegliare nell’individuo delle forti capacità terapeutiche.
E questo aspetto terapeutico della pratica (cioè, quello che chiamiamo comunemente 'Reiki') era identificato con il nome di Usui Reiki Ryoho [2] ovvero: metodo 'Reiki di guarigione di Usui.


Allora, cosa è esattamente ‘Reiki’?
Molte persone ancora affermano, non correttamente, che 'Reiki' si traduce "energia universale" [3]  e va detto che l’altra comune traduzione: "energia Spirituale", mentre si muove forse nella giusta direzione,  sembra essere anche essa scorretta
In Giapponese, vi sono molte parole che possono essere descritte come "
parole-ki" - parole composte formate aggiungendo il familiare 'ki' (come in Rei-ki) alla fine di un’altra parola. Alcuni esempi sono: genki, inki, e tenki.
Sfortunatamente, se cerchiamo di tradurre queste parole composte semplicemente traducendo e combinando i significati delle due singole parole originali, ciò non ci darà necessariamente una traduzione accurata della parola composta stessa.
Prendiamo, per esempio, la parola tenki - da sola, ten significa paradiso, o cielo. Ki è naturalmente tradotto più comunemente come spirito, energia (o il sentire).
Allora la parola composta tenki potrebbe perciò forse significare : "Spirito celeste"? o forse "Energia celeste" (in contrapposizione a Energia terrestre)?
Ebbene, in realtà significa semplicemente: tempo atmosferico!

Analogamente, combinando i significati letterali delle due parti della parola composta 'Reiki' non otteniamo una accurata comprensione del composto stesso.
Le ricerche in corso suggerirebbero che Reiki - per come il termine viene usato nel nome Usui Reiki Ryoho - più immediatamente si traduca semplicemente come 'spirito' o 'spirituale'; così Usui Reiki Ryoho si tradurrebbe, più chiaramente, come: metodo di guarigione spirituale di Usui
In certi casi, la coppia kanji usata per scrivere Reiki può indicare qualcosa come "essenza spirituale"  oppure "influenza spirituale". Per come il termine Reiki viene usato in Usui Reiki Ryoho, non vi è un riferimento diretto a 'energia' - in questo contesto, la parte
ki del composto sembrerebbe semplicemente indicare la dinamica, l’effetto dello spirito in azione.
Come detto precedentemente, Usui-sensei non ha ri-scoperto, o per altro creato o sviluppato, 'Reiki' …
né egli ha ri-scoperto o creato/ sviluppato 'Reiki Ryoho'…ed egli non fu la sola persona ad usare quel termine.

Poiché significa solamente (Metodo di)"Guarigione Spirituale, il termine 'Reiki Ryoho'è stato, a quanto pare, usato da varie persone per riferirsi alle loro personali pratiche terapeutiche.
Per esempio, nel 1919, un terapista di nome M. Kawakami pubblicò un libro intitolato: Reiki Ryoho To Sono Koka (Guarigione Spirituale e suoi effetti) e Fumio Ogawa ci racconta che anche un certo Sig. Daiseido Tanaka praticava il proprio metodo personale 'Reiki Ryoho', prima che Usui-sensei sviluppasse il suo Metodo di Guarigione Spirituale.
Sembrerebbe che quest’ultimo fosse chiamato Usui Reiki Ryoho, per distinguerlo dal Reiki Ryoho praticato da altri Guaritori Spirituali del tempo. [4]
A quanto pare, vi erano anche altri guaritori che chiamavano le loro pratiche Shinrei Ryoho e le ricerche sembrano suggerire che i termini Reiki Ryoho e Shinrei Ryoho siano delle espressioni intercambiabili - i termini Reiki e Shinrei si traducono entrambi con 'spirituale'.

Il termine Reiki appare anche nella filosofia del gruppo spirituale Omoto Kyo (che era particolarmente influente all’inizio del 20° secolo) ed indicava non la 'energia' di per se' ma piuttosto l’effetto energetico dell’aspetto più interiore dello spirito umano.
Omoto Kyo parla di ichirei - quella scintilla del divino che risiede in ogni cosa vivente del creato. Questa ichirei - questa essenza spirituale - viene vista manifestarsi più profondamente nelle forme di vita superiori.  Per come viene percepita negli esseri umani, la scintilla divina viene chiamata nao hi - "presenza spirituale" o "spirito diretto (dai Kami)"
Nao hi è "... l’aspetto più semplice, più puro, più interiore dello spirito umano, che incarna il bene supremo e la bellezza ultima …. quella che è in grado di salvare il vostro corpo e la vostra anima …" e Reiki può essere visto come 'l’effetto manifesto del Nao hi in azione' [5]
[E’ anche interessante notare che il kanji di nao hi può anche essere letto choku rei - senza alcuna variazione o perdita di significato …]
____________
Note:

[1] Nel Reiki Ryoho Hikkei (Aiuto/Guida ai trattamenti), viene citato che Usui-sensei dicesse che lui non ricercava poteri speciali

[2] Questo termine viene usato nel Hikkei.

[3] "L’intero concetto di Reiki che viene inteso riferirsi alla "energia universale/forza vitale" (cioè nel senso di una energia  al di fuori di noi stessi) sembra che sia in realtà un qualcosa piuttosto moderno – una concettualizzazione occidentale che è stata importata in Giappone negli anni 80".

[4] Ancora nel Hikkei, Usui-sensei viene citato per aver detto che lui "non ha ricevuto questo metodo da nessun altro"

[5] Da paragonare con questa citazione dall' Hikkei: "Ciascun essere vivente e che respira possiede la capacità spirituale di guarire. Questo è vero per piante, animali, pesci e insetti, ma sono gli esseri umani - il culmine della creazione - che possiedono il potere maggiore. Il nostro metodo è una manifestazione pratica di questo potere."